LIBRI CONSIGLIATI…

Lo yoga è una via principalmente pratica, che nella tradizione era tramandata solo e unicamente oralmente da maestro a discepolo, con delle eccezioni, perché abbiamo libri di yoga antichi, come i sutra di Patanjali e altri testi.
Anche l’ashtanga sembra venga ritrovato da un testo antico, lo YOGA KORUNTA. Questo testo non è più disponibile, ma l’unico testo di riferimento che il maestro Sri K. Pattabhi Jois ha lasciato è YOGA MALA.
libri
In questo testo, scritto in India, per gli indiani che poi grazie a Lino Miele e Eddie Stern e stato ritrovato e pubblicato, troviamo la prima serie descritta da Pattabhi Jois per i principianti, con descritto il vinyasa corretto per ogni postura.
Pattabhi quando insegnava all’inizio a pochi praticanti, aveva un metodo differente da quello che arrivato a noi, lui era un profondo conoscitore del sistema dello yoga e dei corpi, infatti la prima serie aveva delle regole uguali per tutti, le parti erano quelle, ma c’erano alcune differenze di asana, per chi era più sciolto dava asana in più rispetto ad altri.
Questo spiega le differenze, seppur minime, che possiamo trovare nei vari insegnamenti di insegnanti formati tutti da Pattabhi Jois. Non c’è un giusto o sbagliato, non è corretto voler uniformare un modo a tutti dicendo: SOLO QUESTO È L’ASHTANGA. Perché l’ashtanga è molto di più di quello che noi possiamo vedere e comprendere, è respiro e movimento, è controllo, è disciplina, ma è molto di più…
Qui vi metto dei link dove potete vedere Pattabhi Jois all’opera:
Questi sono video dimostrativi, non didattici, non eseguite gli esercizi dei video senza la supervisione di un insegnante, non riproducete ciò che vedete senza che un insegnante vi abbia condotto sulla strada per farlo.
Un altro libro molto valido per chi vuole avere le serie e il conteggio esatto dei vinyasa è: ASHTANGA YOGA – LO YOGA DEL RESPIRO di Lino Miele
In questo testo sono riportate le tre serie, della terza serie c’è anche la seconda variante, la serie “A” , anche conosciuta come quarta serie.
Ogni asana è riportata con foto, nome, vinyasa, dhristi. Nella prima serie sono riportate anche i benefici di ogni singola asana.
All’inizio del testo c’è una preziosa intervista a Lino Miele, che, per chi non lo conoscesse, insieme a Tina Pizzimenti  lui ha portato l’ashtanga vinyasa yoga in Italia. Il suo insegnamento è molto tradizionale, legato agli insegnamenti di Pattabhi, quelli che lui ha avuto e si attiene rigorosamente ad essi. Il suo enorme merito è quello di aver riportato esattamente il metodo del vinyasa e l’accento costante che da al respiro.
Grazie Lino…
Personalmente ho iniziato a praticare con un suo allievo Francesco Milito che insegna a Torino (http://www.ashtangayogatorino.com/) ed ho avuto l’opportunità di fare il mio primo workshop a Milano con Lino Miele e poi ho avuto la fortuna anche di praticare nella shala a Roma di Tina Pizzimenti.
Ecco qui Lino che esegue i suryanamaskara
libri
Un altro libro che mi ha dato moltissimo è stato: ASHTANGA YOGA – MANUALE PER LA PRATICA di David Swenson
In questo testo, oltre a trovare le posizioni con i vinyasa e i dhristi, troviamo anche spiegazioni per i passaggi, consigli e le varianti sulle posizioni che ancora non si raggiungono. Inoltre ci sono descritte delle serie abbreviate per quando non si ha tempo di praticare. Nel libro ci sono la prima e la seconda serie.
Un altro modo di imparare che ho usato, oltre alla pratica quotidiana, oltre a praticare con differenti maestri che mi hanno dato le loro visioni, mi hanno passato la loro esperienza, è stato quello di guardare e riguardare video.
 Ci sono degli ottimi video fatti da Lino Miele,  David Swenson, , Mark Darby (video) e Kino MacGregor (video) con i quali ho fatto dei stupendi workshops presso l’AYBO la scuola di Bologna di Giuliano Vecchiè, che ha scritto due libri sull’ashtanga INTRODUZIONE ALL’ASHTANGA YOGA, dove parla principalmente della storia dell’ashtanga, dei maestri e di come è arrivato dall’India nel mondo e poi ha scritto, da poco YOGA CHIKITSA dove tratta del metodo a 360 gradi, quindi storia, curiosità, pratica…
Giuliano Vecchiè a Bologna fa formazione di insegnanti di ashtanga vinyasa yoga, scuola alla quale ho partecipato, seguendo la tradizione di Pattabhi Jois. Giuliano ha scelto di prendere come insegnante di riferimento il figlio di Pattabhi Jois, Manju Jois.
Altri testi molto validi sono i libri di  Gregor Mahele
Questo che vedete a destra è un libro sulla prima serie, con dettagliate spiegazioni anatomiche. Ogni passaggio viene spiegato, il libro è pieno di preziose informazioni oltre a contenere una spiegazione sulla filosofia dello yoga e in particolar modo dello yoga dinamico.
L’unica pecca di questo testo è che non esiste, per ora, in italiano.
libriE qui  invece a sinistra abbiamo sempre di Mahele il libro sulla serie intermedia, validissimo, con spiegazioni anatomiche, e con la mitologia, cioè i nomi di ogni asana da dove arrivano. Per chi vuole approfondire in modo dettagliato la seconda serie.
 Questi testi che ho riportato sono secondo me fondamentali per un approfondimento anche pratico della disciplina dell’ashtanga. Non sono gli unici libri, ne esistono molti altri, ma in questi si trovano già molte informazioni che richiedono per essere assimilate e portate sul piano pratico, anni di esperienza e… sudore!!! 🙂
 Altri video che mi sono stati molto utili sono quelli di David Guarrigues.
 Un altro testo valido che voglio ancora riportare e del mitico Matthew Sweeney.
Per quanto riguarda i bandha mi sento di consigliare un libro chiarissimo, breve, ma con un enorme importanza pratica e teorica che è: MULA BANDHA – LA CHIAVE MAESTRA
Per un’infarinatura generale sullo yoga, con tecniche, respirazione, pulizie… questo è stato il mio primo libro sullo yoga:
Mentre per approfondire il pranayama e altri aspetti potete curiosare su questo sito, comunque ottimi sono i libri del pioniere Van Lisabeth.
Namastè e buona pratica…
Do it…
“Practice and all is coming.”
(pratica e tutto verrà)

One thought on “Un po’ di Libri di Teoria…

Lascia un commento